5 Serie TV Netflix da Guardare per Imparare l’inglese

Qui a Milano l’apprendimento dell’inglese è molto importante, sia per il lavoro che per la vita privata. Nonostante questo, i modi per impararlo non siano tanti. Forse tu frequenti dei corsi di inglese e non vedi l’ora del tuo appuntamento settimanale, ma nel frattempo come fai ad approfittare del tempo libero per migliorare ancora di più?

guardare tv in lingua originale inglese
Preparatevi il popcorn! Quest’estate si impara l’inglese guardando Netflix.

Per fortuna, c’è Netflix! E’ il canale più efficace (e divertente) per garantirti una presenza costante di inglese nella tua vita. Ma quali sono le serie TV più adatte a voi italiani alla ricerca di miglioramenti in inglese? Vi presentiamo le 5 serie da guardare se avete voglia di imparare l’inglese, e non dimenticatevi dei sottotitoli, ci raccomandiamo!

1. Friends (USA, 1994-2004)

Partiamo con una classica senza tempo, come un vino prelibato, che migliora con il tempo.

Perché ci piace Friends come strumento per imparare l’inglese:

  • il dialogo e le conversazioni sono tranquilli e lenti. La maggior parte della serie accade in un bar mentre il gruppo di giovani newyorkesi racconta i loro problemi spiritosi e leggeri;
  • potete imparare lo slang americano, ma spesso il linguaggio è molto elementare e facile da capire (a parte quando Chandler dispensa il suo acuto sarcasmo);
  • Ci sono tanti protagonisti tra il gruppo, per cui la trama è ampia e non entra troppo nei dettagli. Questo comprende una vasta gamma di vocaboli e modi di dire ma senza la confusione come altre serie in cui gli argomenti sono più precisi e approfonditi.

    2. Prison Break (USA, 2005-2009)

La nostra seconda scelta non fa ridere come quella prima, ma è ricca di azione e ti sorprende di continuo. Il titolo della serie spiega tutto, e la trama è semplice come il nome.

Per quanto riguarda l’apprendimento dell’inglese tramite questa serie Netflix, troviamo le seguenti caratteristiche:

  • dialogo semplice e a volte inesistente per via dell’azione continua;
  • trattative, patteggiamenti, avvocati e giudici fanno l’altra parte di questa serie, quindi da consigliare anche per gli appassionati dei gialli!

3. Nowhere Boys (Australia, 2013-oggi)

Abbiamo aggiunto questa serie invece per due motivi:

  1. Spesso è l’America che domina l’industria cinematografica, così finalmente avete la possibilità di ascoltare l’accento australiano;
  2. Si tratta della fantascienza e un universo alternativo. Se sei un appassionato di questo genere, questa serie fa proprio al caso tuo!

    4. Somebody Feed Phil (USA, 2018-oggi)

Are you hungry? Somebody Feed Phil è perfetto per gli appassionati sia del cibo sia del viaggio. La parte migliore della serie, per quanto riguarda l’inglese, è che Phil parla in modo semplice e basico: la gastronomia in realtà non fa parte delle sue competenze, perciò spiega e descrive il cibo e i posti frequentati in modo molto comprensibile!

5. Mad Men (USA, 2007-2015)

Forse la serie americana più famosa degli ultimi anni, Mad Men ha chiuso la sua settima e ultima stagione nel 2015. Ambientato negli anni 60, quando la vita era più tranquilla e meno faticosa (a quanto pare, almeno), anche i dialoghi e il lessico rispecchiano questo stile di vita.

Occorre peraltro accennare gli argomenti principali della serie, ovvero il sessismo in ufficio, l’ambiente lavorativo molto dinamico e come il passato può perseguitarci.

Che ne pensate? Avete altre serie TV su Netflix da consigliare?

5 luoghi da visitare in Europa dove si parla inglese (oltre a Londra)

Vuoi parlare solamente in inglese nella tua prossima vacanza?

Se vuoi essere circondato da persone che parlano inglese per alcuni giorni, o se vuoi semplicemente esplorare una nuova città, eccoti 5 bellissime proposte:

Conwy, Galles

corsi inglese Milano

Sebbene le parti più recenti del Galles meritino certamente una visita, la maggior parte dei turisti pare preferire ancora i suoi meravigliosi paesaggi e i castelli. A loro è rivolto questa proposta. Conwy è una piccola città con mura medievali e un castello con torri. È anche un ottimo punto di partenza per scoprire il resto del Galles settentrionale ed è vicino al Parco nazionale di Snowdonia, sicuramente la principale attrazione del Galles. Mi raccomando indossa scarpe comode!

Dublino, Irlanda

corsi inglese Milano

Con soli 500,000 abitanti, Dublino non è certo una grande città. Ciò non significa che ci sia poco da vedere, anzi… la città riserva un’offerta culturale molto interessante, in particolare per quanto riguarda il divertimento, il cibo e le arti. A rendere il soggiorno ancor più piacevole contribuisce il carattere aperto dei dublinesi, sempre pronti a divertirsi e ad aiutarti in caso di bisogno. Questo è uno dei motivi per cui, nonostante sia la capitale, Dublino riesce ad offrire ancora un certo senso di intimità e lo charme di una piccola città.

Edimburgo, Scozia

La capitale della Scozia ha molto da offrire. È una città con una ricca storia, tunnel segreti, giardini nascosti, passaggi sotterranei e un castello con torri. Tuttavia, questo non significa che sia una città ancorata al passato. Se ti capita di vedere uno dei suoi 12 principali festival durante tutto l’anno, sarai catturato da un’atmosfera accattivante. Con una quantità di ristoranti per persona maggiore di qualsiasi altro posto nel Regno Unito, troverai sicuramente quello che ti piace. Se sei un amante del Whisky devi assolutamente visitare The Scottish Whisky Experience, dove avrai la possibilità di entrare nella cantina con la più grande collezione mondiale di Whisky scozzesi e avrai l’opinione di un esperto nella scelta del whisky più adatto ai tuoi gusti.

Chester, Inghilterra

scuola inglese Milano

Sicuramente la più piccola di questa lista, Chester è una città murata vicino al confine col Galles. È stata recentemente interessata da un boom turistico ed è facile capire perché. Questa cittadina è meravigliosa! La caratteristica architettonica che la contraddistingue è i Rows – passaggi coperti che portano all’entrata dei negozi. Per entrare nei negozi bisogna generalmente scendere alcuni gradini sotto il livello della strada. Se stai cercando un luogo più piccolo e meno caotico da visitare, questa è al scelta giusta.

Amsterdam, Paesi Bassi

lezione inglese Milano

Tecnicamente parlando, i Paesi Bassi non sono un paese anglofono. Tuttavia, guardando lo EF English Proficiency Index, tra i paesi non anglofoni presi in considerazione, i Paesi Bassi risultano il migliore per la qualità dell’inglese parlato. Ci sono molte teorie che cercano di spiegare questo, ma – come dimostrano i fatti – gli abitanti di Amsterdam parlano un inglese davvero eccezionale. È interessante notare che ci sono oltre 170 diverse lingue parlate ad Amsterdam. Con tutte queste lingue è ovvio che una debba prevalere sulle altre. La prova della grande diffusione dell’inglese ad Amsterdam è data dal fatto che quando si entra in un negozio nel centro della città è molto probabile che il commesso ti saluti con un “hello”. Nota per I suoi canali, le case galleggianti e l’atmosfera bike-friendly, Amsterdam non ti deluderà neanche dal punto di vista della cultura.

Dopo questo approfondimento sulle possibili destinazioni estive, dove pensate di passare le vostre vacanze?

How to Properly Use the Word “Cheers”

Scrambled Eggs è una scuola di inglese a Milano con un team di insegnanti madrelingua inglesi provenenti da tutto il mondo. Nonostante parlino la stessa lingua, loro hanno culture e tradizioni completamente diverse l’uno dall’altro. Ringraziamo il nostro insegnante Richard, che viene dalla Scozia, per il post sul termine Cheers e sui suoi differenti e sconosciuti usi rispetto agli altri Paesi anglosassoni. Enjoy!

Cheers, mate!

“Cheers” is globally famous as a word to say before you take the first sip of an alcoholic drink with a friend/friends (not to mention the famous American sitcom based in Boston). You touch your glasses/bottles together (‘chink’ them) and say the famous word.

Beware! It’s considered rude to not look the other people in the eyes while you do this!

Italians tend to also touch the glass/bottle to the table before taking a sip, but British and American people do not do this. Cheers should always be said before the very first drink, and possibly before every drink from then on, depending on the people’s customs.

In the UK, however, “Cheers” has a different meaning. It is a colloquial (slang) way to say ‘thank you’. It can also be used instead of the word ‘goodbye’, but only in a situation where you’ve been served something e.g. in a shop, restaurant, bar, or ticket office.

Cheers!

Imagine this:

A British person walks into a London pub with a friend, to have a couple of beers. He says to the barman: “Two pints, please. Cheers.”

The barman pours the pints, and says “That’s £8 please.”

The man gives the barman a tenner (a ten-pound note), and when the barman returns £2 change he says “Cheers”.

Then, handing one of the beers to his friend, the British man raises his glass and says “Cheers!” once more. They chink glasses, and drink.

At the end of the evening the British man and his friend leave the pub, and as he walks out the British man calls to the barman: “Goodnight, cheers!”

Cheers for reading, now go out and grab a few pints!