5 libri di livello B1 che ti aiuteranno a migliorare l’inglese!

Purtroppo, in questa situazione di quarantena forzata per via dell’emergenza sanitaria legata al virus Covid-19, non ci resta altro da fare che passare il nostro tempo comodamente in casa. Quindi, tra un momento di relax, un pasto, un film o una serie tv, che ne dici di provvedere al miglioramento di una lingua così importante come l’inglese?

Leggere, si sa, è sempre stato fonte di cultura e apprendimento, e questo vale sia per la tua lingua madre che per una lingua straniera. Ti consigliamo quindi di approfittare del molto tempo libero a disposizione per rimboccarti le maniche e lanciarti in questa sfida! Ecco qui 5 libri di livello B1 che ti aiuteranno a migliorare l’inglese:

The Strange Case of Doctor Jekyll and Mr Hyde (by Robert Louis Stevenson)

Vi consigliamo questo famosissimo libro perché merita davvero la pena di essere letto almeno una volta nella vita: è un classico della letteratura del Regno Unito e, principalmente in questo caso, scozzese. Con un lessico riadattato per fruirne al meglio è sicuramente una scelta valida!Estratto:
“ He was perfectly cool and made no resistance, but gave me one look, so ugly that it brought out the sweat on me like running. The people who had turned out were the girl’s own family; and pretty soon, the doctor, for whom she had been sent, put in his appearance. “

 

The time machine (by H. G. Wells)

Da uno dei più popolari scrittori britannici a cavallo tra il 19° e 20° secolo, nonché uno dei padri del romanzo fantascientifico, ecco qui una delle prime opere in assoluto sul tanto famoso, in seguito, tema del viaggio nel tempo. In questa edizione adattata per gli studenti, potrete sicuramente scovare una gemma nel panorama letterario e gustarlo in lingua inglese senza fare troppi sforzi!Estratto:
“ I think that at that time none of us quite believed in the Time Machine. The fact is, the Time Traveller was one of those men who are too clever to be believed: you never felt that you saw all round him; you always suspected some subtle reserve, some ingenuity in ambush, behind his lucid frankness. Had Filby shown the model and explained the matter in the Time Traveller’s words, we should have shown HIM far less scepticism. “

 

Mary Poppins: The Original Story (by P. L. Travers)

Ecco qui invece un classico per bambini: giusto quando la famiglia Banks sta cercando una tata per i propri figli, Mary Poppins e il suo ombrello parlante vengono giù dal cielo, pronti per far vivere ai piccoli fortunati delle straordinarie avventure.Estratto:
“ And that is how Mary Poppins came to live at Number Seventeen, Cherry Tree Lane. And although they sometimes found themselves wishing for the quieter, more ordinary days when Katie Nanna ruled the household, everybody, on the whole, was glad of Mary Poppins’ arrival. Mr Banks was glad because, as she arrived by herself and did not hold up the traffic, he had not had to tip the Policeman. Mrs Banks was glad because she was able to tell everybody that her children’s nurse was so fashionable that she didn’t believe in giving references. “

 

Around the World in Eighty Days (by Jules Verne)

Torniamo a parlare di clamorosi viaggi, questa volta non attraverso il tempo ma nello spazio: quando Phileas Fogg venne a conoscenza della possibilità di viaggiare attraverso il mondo intero in soli ottanta giorni, i suoi amici gli risero in faccia. Uno di loro addirittura disse: “Non si può fare!”. Il nostro protagonista partì per dimostrarlo.Estratto:
“ It was at least certain that Phileas Fogg had not absented himself from London for many years. Those who were honoured by a better acquaintance with him than the rest, declared that nobody could pretend to have ever seen him anywhere else. His sole pastimes were reading the papers and playing whist. He often won at this game, which, as a silent one, harmonised with his nature; but his winnings never went into his purse, being reserved as a fund for his charities. Mr. Fogg played, not to win, but for the sake of playing. “

 

The Little Prince (by Antoine de Saint-Exupéry)

Concludiamo con forse il più classico dei libri fin qui presentati, nonostante sia comunque il più recente (1943). E pensare che c’è anche gente che lo colleziona in tutte le lingue del mondo! Capolavoro di sensibilità e semplicità, questo romanzo è diventato nel tempo un longseller internazionale, un testo-chiave di formazione. Il suo autore era un aviatore e un umanista: adorava volare e si interessava agli uomini. Qualche mese dopo l’apparizione del suo capolavoro, scomparve in aereo sul Mar Mediterraneo. Ma la favola del ragazzino dai capelli d’oro continua.

Estratto:
So I lived my life alone, without anyone that I could really talk to, until I had an accident with my plane in the Desert of Sahara, six years ago. Something was broken in my engine. And as I had with me neither a mechanic nor any passengers, I set myself to attempt the difficult repairs all alone. It was a question of life or death for me: I had scarcely enough drinking water to last a week. The first night, then, I went to sleep on the sand, a thousand miles from any human habitation. I was more isolated than a shipwrecked sailor on a raft in the middle of the ocean. Thus you can imagine my amazement, at sunrise, when I was awakened by an odd little voice. It said:
“If you please−− draw me a sheep!”
“What!”
“Draw me a sheep!”

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. (Ma pochi di essi se ne ricordano.)

 

You Might Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *