London Day Trips | Reading Comprehension

Summer is here! If you’re visiting London for a long weekend this summer, here are some quaint nearby towns that you can visit in a day. Not only is a daytrip a great way to beat the hustle and bustle of the city, you will also get the opportunity to see a different side to British life.

With this in mind, we at Scrambled Eggs Scuola di Inglese, Milano have put together a list of 5 towns close to London that you can reach by train in less than an hour and a half. Read on to find out how to enjoy some fresh air and escape the city traffic.

 

First up, we have Brighton.

Extremely popular among Brits, Brighton is the place to be. When you arrive, head straight to Brighton’s pebbled beach and have some traditional fish chips – just watch out for those seagulls. Then, relive your childhood days by visiting the funfair and arcade, which are both situated on Brighton’s famous pier. Those who love to shop need to visit The Lanes Brighton where you will find numerous independent shops and boutiques. Brighton is also the LGBTQ capital of the UK and has many amazing live music venues!

By train: 1 hour 16 minutes from St. Pancras International

 

Next up, Windsor.

Crazy about the Royal family? Everyone visits Buckingham Palace and the Tower of London, but there’s also Windsor Castle! A royal residence built in the 11th century after the Norman invasion of England, it has been the home of British kings and queens for almost 1,000 years. While you’re there, check out Windsor’s great park which spans 4,800 acres. After a morning of sightseeing, a great place to spend your afternoon is at Windsor and Eton brewery. Here you can learn how beer is made and try some local beers.

By train: 52 minutes from Vauxhall

 

Another great option is Whitstable.

A picture-perfect, seaside town, Whitstable is definitely worth a visit, especially if you love cycling! With a sea front stretching 5 miles, Whitstable is the perfect place to rent a bike and go on a tranquil bike ride along the coast. For lunch, you must have oysters. Whitstable is famous for its native oysters, which have been collected since Roman times, and are available all year round. Spend your evening relaxing on the beach and enjoying the beautiful sun set.

By train: 1 hour 14 minutes from St. Pancras International

 

Next on the list is Rye.

Once an important fishing town, Rye is now home to art museums, antique shops and cosy pubs. Rye is a city rich in history and is best explored by going on a walking tour down its higgledy-piggledy cobbled streets. Key places to visit are Rye Castle, the Citadel and St. Mary’s church. A short bus journey away is Camber Sands, East Sussex’s only sand dune. Here you can stroll along the beach’s golden sands or try out some water sports.

By train: 1 hour 9 minutes from St. Pancras International with a change at Ashford

 

Last on the list is St. Albans.

Named after the first British saint, Alban, St. Albans is a city steeped in history. Its Medieval roots are evident today, and there are even some remains from the Roman era. History aside, St. Albans is known for its pubs! Claiming to have the greatest number of pubs per square mile, and the oldest pub in England, ‘Ye Olde Fighting Cocks,’ it’s a great place to go on a bar crawl. St. Albans is also popular for its markets, where you can buy local homemade produce and products!

By train: 20 minutes from St. Pancras International

 

Quiz: London Day Trips

Now that you have finished reading the article, test your knowledge of the words in bold by trying this definitions quiz!

 

There are many more towns just outside London that are worth visiting. Let us know in the comments below which of the places listed you would like to visit the most.

Safe travels!

5 Presidenti americani che hanno segnato un’epoca

Domani, 4 luglio 2020, si celebra il 244esimo anno dall’indipendenza degli Stati Uniti d’America dal Regno di Gran Bretagna. Era il 1776, e tante cose sarebbero accadute da lì in poi.

Scrambled Eggs sceglie oggi per voi quindi un culture blog a sfondo politico: rivivremo quasi cent’anni di storia americana attraverso le figure carismatiche di 5 Presidenti che hanno letteralmente segnato un’era per questo paese. Ci concentreremo sul secolo scorso e su quello attuale, non dimenticando però di citare George Washington, primo Presidente in assoluto in carica dall’aprile 1789 al marzo 1797, e il famoso Abraham Lincoln, in carica per 4 anni prima di essere assassinato nel 1865 (a tal proposito vi consigliamo il film ‘Lincoln’ del 2012, diretto da Steven Spielberg e con un eccellente Daniel Day-Lewis, ovviamente da gustare in lingua originale 😉).

Ovviamente, in questo preambolo, una menzione va fatta per ovvie ragioni anche al Presidente forse più amato e più popolare della seconda metà del 20° Secolo, John Fitzgerald Kennedy (spesso noto come JFK), anch’egli assassinato nel novembre ’63, dopo quasi tre anni di mandato. Il più giovane Presidente eletto, a 44 anni, è però anche uno di quelli con il mandato più corto nell’intero 20° secolo; è per questo motivo che non verrà presa in considerazione la sua figura in questa speciale classifica (nonostante, comunque, un susseguirsi di eventi interessanti ad inizio anni ’60, come la corsa alla Luna, l’invasione di Cuba e gli antefatti della guerra del Vietnam, nonché un’effervescenza sociale riguardo i diritti civili degli afroamericani).

Procediamo ora con questa speciale classifica,

5 Presidenti americani che hanno segnato un’epoca: clicca qui per cominciare il tuo viaggio nella storia.

Breve storia dell’esame SAT e di come è cambiato nel tempo

Risalente addirittura agli anni ’20 del Novecento, il SAT è in giro da così tanto tempo che continua ad essere un esame-barriera essenziale usato dalle migliori università e college americani per la scelta, ogni anno, dei nuovi alunni. Il classico format del test ha reso possibile il concepimento di un’incredibile varietà di programmi di preparazione specifici – da libri appositi a riferimenti online, ma anche tutorial e corsi in classe, che più avanti vedremo.

È pur vero però che nel corso degli anni questo test ha comunque subito notevoli cambiamenti, il più recente dei quali avvenuto nel 2005. Conoscerne gli aspetti può essere importante proprio per capire l’obiettivo dell’esame ed anche, non meno importante, per capire come prepararsi al meglio.

Esame SAT: perché cambia nel tempo?

Il SAT non è mai rimasto tale e quale, ma anzi si è evoluto per soddisfare gli standard educativi dei migliori college e università statunitensi e per stare al passo, ovviamente, con i loro programmi didattici. L’ultima revisione – prima di quella nel 2005 – è avvenuta nell’ormai lontano 1994, quando si rimossero certi tipi di quesiti ormai inconciliabili con il sistema educativo contemporaneo, e si aggiunsero testi di lettura più lunghi e domande di matematica a tempo indeterminato (oltre a consentire finalmente l’utilizzo delle calcolatrici).

Le modifiche sviluppate dal 2005, invece, sono servite per sottolineare l’importanza della scrittura chiara e concisa, non solo come abilità per la carriera universitaria, ma anche come risorsa impiegabile nel mondo del lavoro.

Molti dei cambiamenti rilevati nel corso degli anni dalla creazione del SAT sono stati frutto del desiderio di garantire che il test potesse individuare nella maniera migliore le abilità degli studenti; e questo particolarmente alla luce del fatto che le abilità richieste nel mondo del lavoro sono in costante cambiamento. Alcune di queste modifiche hanno garantito un test più chiaro ed efficace, mentre altre hanno garantito l’eliminazione di alcuni vantaggi o svantaggi di base che alcuni studenti avrebbero potuto avere.

Test SAT: com’è cambiato nel tempo?

Il SAT fu fondato nel 1926 come adattamento dell’Army Alpha, un test del QI che era stato utilizzato per verificare l’intelligenza delle reclute nell’esercito americano. Da questo test è nato il SAT moderno come lo conosciamo noi oggi.

Ha subito – ovviamente – molti cambiamenti lungo il percorso, i maggiori dei quali hanno incluso la suddivisione dell’esame in due sezioni distinte: si può dire una sezione umanistica (Writing & Reading) e una sezione invece più scientifica (Maths). A essere modificati sono stati anche i termini previsti per lo svolgimento dello stesso, in modo tale da consentire agli studenti di possedere il tempo necessario per svolgere tutte le sezioni in maniera completa.

Dal 2005, inoltre, è stato aggiunto un saggio come parte di una sezione separata, distinta dalle sezioni di ragionamento verbale e matematico. Agli studenti viene presentata una tesi, che possono difendere o confutare: il tempo richiesto per completare il saggio è di 25 minuti. Essi sono dunque liberi di strutturare le loro idee e di trasferirle sul foglio in maniera ordinata in modo tale da trasmettere al meglio il loro punto di vista.

Nell’aggiornamento del 2005 si è inoltre incoraggiata una metodologia che incentivasse il ragionamento, più che dare smalto a  delle mere abilità mnemoniche di dubbia utilità. Inoltre, sempre nel 2005 la sezione matematica è stata ampliata per meglio allinearsi con l’algebra studiata nei licei americani. Di nuovo, questo cambiamento rappresenta un tentativo di far restare l’esame SAT al passo con i programmi moderni delle scuole superiori e di promuovere lo sviluppo delle competenze più desiderate dai migliori college e università del paese.

Cambia anche la politica organizzativa del SAT

Nel 2009 – invece – a cambiare sono state le regole del SAT. In particolare, il College Board ha istituito una nuova politica che consentirebbe agli studenti di inviare la somma dei loro punteggi SAT migliori alle università in cui si stanno candidando, invece di considerare i punteggi solo per singola prova. Tuttavia è ancora in corso un dibattito su questa nuova idea che ha rivoluzionato completamente le dinamiche del SAT.

Altra modifica consistente nel 2016: a cambiare stavolta, oltre alla struttura del test stesso, è il metodo di punteggio.

Modifiche al sistema di punteggio

315 domande, circa 100 minuti a disposizione: questo avveniva nel lontano 1926, con la versione del SAT originale; le divisioni scritte e matematiche non erano presenti e non si sapeva nemmeno bene se per il test si dava una giusta dose di tempo a quei poveri studenti.

Come già detto, invece, il SAT oggi è qualcosa di molto più ordinato, strutturato, con sezioni ben definite di matematica, scrittura e lettura. Il massimo di punti acquisibile è di 1600 – 800 per la sezione Math, e altri 800 per la coppia Reading+Writing. Per accedere alle più prestigiose università americane, come Harvard o Yale, devi fare almeno 1520 punti – quindi essere praticamente perfetto. Questo non significa però che le altre università o college siano così severi, ed è possibile candidarsi a università prestigiose anche con punteggi un po’ più bassi. Se ti interessano i punteggi richiesti nelle università americane, ti consiglio di dare un’occhiata a questo link.

Prima del 2016, invece, i punti cumulabili erano 2400.

La valutazione del saggio

Non essendo il saggio immediatamente quantificabile come gli altri elementi, viene valutato in base alla complessità dell’idea espressa, alla completezza con cui le idee sono sviluppate e alla facilità con cui lo studente riesce a farsi comprendere. Le regole ortografiche e grammaticali ovviamente svolgono anch’esse un ruolo preponderante nella valutazione dello scritto, che verrà letto da due differenti esaminatori.

Ottieni il massimo dal formato più recente

È senza dubbio corretto affermare che questo esame puoi prepararlo anche da solo. La verità è però anche questa: se vuoi raggiungere il massimo punteggio nel SAT, hai bisogno di qualcuno che conosce l’esame alla perfezione e che ti indichi di conseguenza qualche scorciatoia che ti sarà utile. Noi di Scrambled Eggs English School Milan abbiamo attivato un corso collaudato ed efficiente di preparazione al SAT, dove potrai affinare le tue capacità di pensiero critico e di scrittura attraverso la pratica. Per maggiori informazioni consulta questa pagina oppure scrivici una mail all’indirizzo: hello@scrambledeggsinglese.it .

Riteniamo corretto anche riferirti che esiste comunque una vasta gamma di materiale di preparazione per il test SAT, sia in formato cartaceo che online. Clicca qui per conoscere i titoli dei 5 migliori libri per la preparazione al SAT.

Vogliamo lasciarti però con una massima che è valida sempre, in tutti gli esami che la vita ti porrà davanti: l’importante è la calma, l’importante è essere rilassati, a proprio agio con il foglio davanti e ben riposati il ​​giorno del test. E vedrai che riuscirai anche a divertirti facendolo!

Scrambled Eggs è con te!

Quindi dormi pure sonni tranquilli.